mercoledì 21 maggio 2008
BUBBLE
BUBBLE
(Bubble)
Regia: Steven Soderbergh
Produzione: USA
Anno: 2005

Genere: Esistenze al limite

La più dimessa delle rappresentazioni della provincia americana, fuori dal mondo e anche un po’ dal tempo, ci immerge in un universo sempre più cupo e squallidamente umano, violento e ad un tempo ingiustificabile ed empaticamente vicino, in un esperimento tecnico-visivo che difficilmente lascia indifferenti.

Si può anche vedere (soprattutto se si è in cerca di qualcosa di diverso)
.

Etichette: ,

 
posted by Martin at 00:27 | Permalink |


6 Comments:


At 5/22/2008 03:37:00 PM, Blogger Luciano

Mi manca e non ho ancora trovato il tempo di vederlo. Mi incuriosisce molto. Potrebbe essere l'occasione per recuperarlo.

 

At 5/22/2008 03:52:00 PM, Blogger Martin

Ecco, questo è uno di quei film su cui secondo me avresti davvero molto da scrivere.

 

At 5/22/2008 04:07:00 PM, Blogger honeyboy

un film orgogliosamente minimalista
di gran lunga il miglior soderbergh (in generale non mi piace, non mi piace molto il cinema calligrafico in generale...)

 

At 5/22/2008 05:20:00 PM, Blogger Martin

Il cinema di Soderbergh mi crea sempre dei problemi.
La sua produzione ha degli esiti qualitativi piuttosto alterni ma devo però riconoscergli un'indubbia volontà di sperimentare, di giocare con le regole e in genere di uscire dai luoghi comuni di certo cinema americano.
Questo film è solo uno dei tanti esempi.

 

At 5/26/2008 07:34:00 PM, Anonymous claudio

il film non mi era dispiaciuto, molto minimale ma forse manierista...

 

At 5/26/2008 11:29:00 PM, Blogger Martin

Manierista in che senso? Rispetto a cosa?