sabato 27 settembre 2008
HANCOCK
HANCOCK
(Hancock)
Regia: Peter Berg
Produzione: USA
Anno: 2008

Genere: Fantascienza metropolitana

Buonismi vari tra le pieghe di certi noti sobborghi urbani americani e parallelamente sobborghi di certe categorie esistenziali, moralmente edificanti e consolatorie, in questo paesaggio si scontrano due visioni solo fintamente opposte in cui ognuno riversa sull’altro qualcosa di sé, che siano Dei, Angeli o Supereroi, e anche se la carta-simpatia riesce a tratti ad aggirare la mortale trappola della noia è sempre lì che ci si (sof)ferma.

Si può anche vedere (a tempo e luogo debito)
.

Etichette: , , ,

 
posted by Martin at 16:50 | Permalink |


6 Comments:


At 9/27/2008 08:04:00 PM, Blogger Mario Scafidi

in linea di massima la pensiamo allo stesso modo. un filmetto piacevole, ma con passaggi poco convincenti.

 

At 9/27/2008 09:44:00 PM, Blogger Christian

Ho trovata simpatica l'idea di partenza, ma la sceneggiatura la rovina cambiando le carte in tavola da metà film: le spiegazioni sull'origine dei poteri e lo scontro finale, poi, secondo me affossano il film sotto la sufficienza.

 

At 9/28/2008 01:06:00 AM, Blogger Luciano

Ancora da vedere. Questo genere di film mi appassiona, ma sento (visto il trailer) che non mi esalterà.

 

At 9/28/2008 11:55:00 AM, Blogger Ale55andra

Sostanzialmente sono dello stesso avviso.

 

At 9/29/2008 11:26:00 AM, Blogger Martin

@Mario:
in realtà è come se fossero tre film in uno di cui il primo è senz'altro il più originale.

@Christian:
personalmente cerco di evitare giudizi "generali" privilegiando un'indicazione che prescinda da un giudizio critico e/o di gradimento personale (che sono praticamente la stessa cosa).
In questo modo anche un film che non mi è piaciuto può avere più di un punto d'interesse che mi portano a consigliarne la visione. Ed è proprio cercando di cogliere l'essenza di un film che spero di far capire quali siano.

@Luciano:
già, questo è uno dei "tuoi". Mi farai sapere prima o poi...

@Ale:
scommetto che ti è piaciuta l'interpretazione di WS.

 

At 9/29/2008 04:16:00 PM, Blogger Ale55andra

Si, ho trovato la sua interpretazione perlomeno adeguata. Il film si fa apprezzare nella prima parte, se lo si prende per quello che è, ma poi sfocia in qualcosa di inimmaginabile e insopportabile verso il finale. Tutto sommato una roba accettabile.