mercoledì 11 giugno 2008
ERIN BROCKOVICH
ERIN BROCKOVICH
(Erin Brockovich)
Regia: Steven Soderbergh
Produzione: USA
Anno: 2000

Genere: Class action

Film verità in cui tutto è apparenza sotto cui scavare, da un lato le malefatte delle grandi industrie americane, dall’altro l’interazione / interscambio tra personaggi “veri” e finzione cinematografica, sempre in bilico sul confine sottile che separa toni apologetici da innocui ammiccamenti, retorica “umanitaria” da genuina simpatia dei personaggi, in un racconto confezionato con sicurezza, ritmo brillante e gran senso cinematografico.

Merita una visione
.

Etichette: ,

 
posted by Martin at 14:47 | Permalink |


3 Comments:


At 6/11/2008 06:42:00 PM, Anonymous mario

il più bel film di steven soderbergh. la roberts da urlo ha giustamente vinto l'oscar, uno dei più meritati della storia dell'academy. anche albert finney avrebbe meritato nil riconoscimento..

 

At 6/12/2008 01:11:00 AM, Blogger Ale55andra

Sono d'accordo.

 

At 6/12/2008 09:39:00 AM, Blogger Martin

@Mario:
Soderbergh è da sempre per me un regista controverso, alterna grandi cose ad altre meno convincenti.
Questo è molto bello, anche se meno "inventivo" di altri.

@Ale55andra:
in effetti la Roberts ci ha sorpresi davvero tutti con la sua migliore interpretazione di sempre.
Non l'avrei mai detto.