martedì 24 marzo 2009
RIO BRAVO
RIO BRAVO
(Rio Grande)
Regia: John Ford
Produzione: USA
Anno: 1950

Genere: Western classico

Se questo è indiscutibilmente un racconto di soldati a cavallo è anche e soprattutto un racconto di personaggi umanamente fordiani che si svelano attraverso volti che parlano senza bisogno di parole, e tutti, insieme a questi luoghi “mitici”, essi stessi personaggi, e questo fiume in particolare, simbolo di un mondo e al contempo creatura vivente, tutti insieme ci restituiscono uno squarcio cinematografico emozionante, spettacolare, formalmente impeccabile, in cui convivono pathos, ottimismo e ironia.

Da vedere
.

Etichette: ,

 
posted by Martin at 10:32 | Permalink |


6 Comments:


At 3/24/2009 01:56:00 AM, Anonymous Ragazza

Sì! Da vedere senz'altro... io come te amo i film western e particolarmente quelli con John Wayne, quelli di Sergio Leone, i film western rivoluzionari anni'70 (un esempio per tutti: 'piccolo grande uomo', 'soldato blu', etc), e i film western 'crepuscolari' di tempi più vicini, da Silverado a 'gli spietati' e molti altri che non cito perché sai certo di che parlo...
Detesto anch'io il 'nuovo cinema italiano' (ma quale cinema, in Italia è morto da diversi anni...), non parliamo dei teen movies, quelli non mi piacevano nemmeno quando IO ero una teen...o i college movies.
Quanto a registi da scoprire, anch'io ne sto scoprendo... Partendo da autori come Lubitsch, e Stroheim, e dai loro film parlati, mi si sta aprendo un mondo sul muto..ho perfino trovato i titoli dei film muti di Hitchcock, che finora avevo ignorato... Il muto lo scopro ora, e grazie a un amico, prima conoscevo solo Chaplin.
Amo molto i film anni '30, '40 '50... pensavo di dedicar loro una grossa fetta dei post futuri (recentemente ho scarseggiato moltissimo di tempo per scrivere), so che non è argomento facile, dato che son poco conosciuti, ma a maggior ragione, secondo me, preferisco parlare di ciò di cui si parla meno altrove...e lasciare le ultime uscite al cinema ad altri, o a casi eccezionali.
Mi fa piacere trovare un blog che non teme di parlare di film meno sbandierati, e che hanno i loro anni ;)

 

At 3/24/2009 02:06:00 AM, Anonymous Ragazza

Oh! Peraltro Rio Bravo era il titolo originale di un ottimo film western (un dollaro d'onore) sempre con John Wayne e di cui ha girato 2 versioni (le conosci, naturalmente) a distanza di anni, in una è affiancato da James Dean, nell'altra da Robert Mitchum.. non ho mai saputo quale preferire...forse un tantino la versione con Mitchum accanto a Wayne, ma ogni tanto cambio parere :)
Recentemente ho rivisto con piacere 'Il Pistolero' (e quando mai non rivedo con piacere J.Wayne...).
Ora sto ripassando, ma soprattutto vedendo per la prima volta, una serie di film con Bette Davis, da giovane, nei ruoli che l'hanno resa celebre come dark lady, e ora sto capendo perché... in alcuni era davvero una strega, come la sua eterna rivale Joan Crawford!

 

At 3/24/2009 02:12:00 AM, Anonymous la Ragazza di cui sopra

Ah ah ah, rettifico la cavolata spaziale!
Non era affiancato da James dean, ma da Dean Martin!
Scusa, ma l'ora è tarda e sono stanchissima...capita che mi escano castronerie...Quindi capisci perché dicevo che ultimamente non ho avuto tempo per scrivere post..mi rendo conto di non essere al massimo della forma.

 

At 3/24/2009 10:26:00 AM, Blogger Martin

Benvenuta Ragazza (di cui sopra).
Mi fa piacere che hai subito colto lo spirito di questo mio spazio e che ne condividi il tentativo di esplorare i 100 anni e passa di cinema in maniera più ampia possibile, con particolare attenzione per tutti quei generi troppo spesso (e a torto) ritenuti "minori".
Anzi sarebbe proprio il caso di unire le forze!(intanto comincio con linkarti)
Sui western mi trovi d'accordissimo e sui muti sono assolutamente allineato, il sonoro se da un lato ha fatto fare passi da gigante dall'altro ha limitato l'espressività di veri geni cinematografici.
Uno tra tutti il grande Buster Keaton hai presente?
Rio Bravo (quello di Hawks) è certamente anche uno dei miei preferiti e tendenzialmente lo preferisco al successivo El Dorado ma forse è solo perchè è quello dei due che ho visto più di recente!
A questo punto spero di rivederti qua e soprattutto di leggere qualcosa di nuovo da parte tua, il tempo è sempre poco (e lo so bene, da un mese sono diventato papà) ma ne vale la pena!

 

At 3/26/2009 11:38:00 AM, Blogger Luciano

Per me un grandissimo film che ebbi la fortuna di vedere al cinema alcuni anni fa. Una scuola di regia che fa sospirare per quel modo di girare che non c'è più.

 

At 3/26/2009 12:16:00 PM, Blogger Martin

Hai ragione Luciano siamo proprio nel territorio dell'eccellenza cinematografica.
Come sempre la grandezza di Ford sta nella capacità di ricreare un intero mondo in un singolo film, con una naturalezza e padronanza che non si vedono più.