domenica 14 novembre 2010
UNO, DUE, TRE!
UNO, DUE, TRE!
(One, Two, Three)
Regia: Billy Wilder
Produzione: USA
Anno: 1961

Genere: Amori, intrighi e dollari

I turbinosi avvenimenti girano tutti grazie ai famosi opposti che si attraggono nella Berlino divisa in due del dopoguerra, che siano buffi funzionari sovietici in cerca della formula della coca-cola o la svampita figlia del riccastro americano innamorata del giovane comunista tedesco, in un racconto dal tono leggero che si diverte a prendere in giro tutti, calcando la mano con l'ironia nei confronti dei vicini d'oltrecortina, anche se, malgrado il divertimento sia di gran qualità e la scrittura cinematografica raffinata come sempre, il risultato finale appare fin troppo sbilanciato verso il caricaturale e il grottesco per essere preso, almeno un pochino, sul serio.

Merita una visione.

Etichette: , , , ,

 
posted by Martin at 21:12 | Permalink |


5 Comments:


At 12/15/2010 09:29:00 AM, Anonymous Torneo dei film

Dunque: un titolo che sembrava messo a caso nel Torneo dei film; un film di Billy Wilder, e già nasce la curiosità, vista la sua immensa filmografia; parla poi della Germania post-bellica, con trovate che non concepiscono nemmeno adesso. Che fare quindi? Aspettare che lo propongano in tv.

Puoi dargli un voto nel Torneo dei film, e magari lasciare le tue nomination, in sidebar il form.
Ti aspetto...

 

At 12/15/2010 10:06:00 AM, Blogger Martin

Un Wilder decisamente minore ma comunque meglio del 99% delle commedie attuali e in ogni caso un film che non delude.
Dovendo citare qualche suo film i titoli sarebbero comunque altri...

 

At 12/18/2010 10:43:00 AM, Blogger Gegio

Billy Wilder merita sempre di essere visto, se questi sono poi i film minori...

 

At 12/18/2010 12:59:00 PM, Blogger Martin

Proprio così Gegio, minori solo per modo di dire, penso che di Wilder davvero non all'altezza me ne viene in mente solo uno...

 

At 12/18/2010 01:00:00 PM, Blogger Martin

Proprio così Gegio, minori solo per modo di dire, di Wilder davvero non all'altezza me ne viene in mente solo uno...