martedì 8 luglio 2008
UN'ALTRA DONNA
UN'ALTRA DONNA
(Another Woman)
Regia: Woody Allen
Produzione: USA
Anno: 1988

Genere: Esistenze in bilico

All’interno di una struttura da dramma "borghese", tanto teatrale nella staticità delle singole scene quanto cinematografico nella capacità di alternare tempi, luoghi ed atmosfere, troviamo rappresentati la malinconia di un bilancio esistenziale di mezz’età, preciso nei suoi rimpianti e teso nei suoi fallimenti, per trovare finalmente la luce nella bellezza dei ricordi.

Merita una visione
.

Etichette:

 
posted by Martin at 00:20 | Permalink |


6 Comments:


At 7/08/2008 05:22:00 PM, Anonymous claudio

ma che se può anche vedere??
questo è un capolavoro! il miglior allen non divertnte, ed è nella mia top 5 dei suoi mille capolavori...

vabbè io sono un alleniano straconvinto...

 

At 7/09/2008 01:42:00 PM, Blogger Martin

Se è per questo sono "alleniano" da sempre pure io.
Mi piace considerare la sua filmografia come un unico grande film che alterna momenti "seri" a momenti più ironici.
Premesso quindi che a me Allen piace tutto e ho visto tutto più e più volte non metterei questo tra i miei preferiti.
Ma sono davvero sottigliezze, forse perchè ho una predilezione per i suoi film più "graffianti".
Forse non sceglierei "Un'altra donna" tra i suoi film più rappresentativi ma questo è un discorso fatto a prescindere dal mio gradimento personale.

 

At 7/09/2008 06:19:00 PM, Anonymous claudio

dei seri metto:
1. un'altra donna
2. crimini e misfatti (ma è anche divertente)
3. ombre e nebbia

 

At 7/10/2008 12:26:00 AM, Blogger Martin

Viste le positive sensazioni che mi sono rimaste dentro direi che una visione la merita senz'altro.
Provvedo subito a modificare Claudio...

 

At 7/10/2008 02:13:00 PM, Blogger Luciano

Per me senz'altro la merita. Mi trovate d'accordo. Questi film "seri" di Woody Allen mi piacciono molto. Pensa, ho apprezzato persino Settembre.

 

At 7/10/2008 02:42:00 PM, Blogger Martin

E dire che Allen è rimasto uno dei pochi, almeno in america, a produrre ancora un cinema fortemente ancorato alla parola.
Sempre imperdibile per me.